GLI ARTISTI 2018

Quest'anno saranno davvero tanti.

A poco a poco pubblicheremo tutte le biografie

 

STEFANO  BARBATI

Eclettico musicista/chitarrista di Lanciano.

Svolge un’intensa attività didattica (presso le Scuole Civiche di Lanciano e Vasto e all’interno del circuito nazionale "ScuolacusticA") e concertistica (il suo nome appare nelle programmazioni dei più importanti festival di chitarra in Italia e all’estero).

La sua performance di chitarra acustica solista prevede un ampio repertorio di brani originali e covers in bilico fra l’irruenza ritmica tipica del rock-blues e l’approccio melodico tipicamente mediterraneo con diverse influenze della "musica del mondo".

Ha pubblicato 4 CD a suo nome ("Il Canto del mare" e "Blues de rua" "Acoustic Ladyland" "Il Salice, il Grano, la Rosa") per l'etichetta Fingerpicking.net e il video "Suonare nello stile di Eric Clapton" per la Playgame music.

Oltre che con i colleghi chitarristi, vanta collaborazioni di alto livello nell’ambito della musica d’autore con Federico Sirianni, Max Manfredi, Momo e Liana Marino. Mette spesso e volentieri a disposizione le sue musiche per reading e performance teatrali.

 

Pubblicazioni

Esplorazioni Musicali 98 - Comune di Chieti, 1998 / Guitar Painting - Demo autoprodotto, 2000 / Emergenza Chitarre 3 - Playgame Music, 2002 / Il Canto del Mare - Fingerpicking.net, 2003 / 36.The fingerpicking.net Sampler - Fingerpicking.net, 2004 / Suonare nello Stile di Eric Clapton - Playgame Music, 2003 / Blues de rua - Fingerpicking.net, 2007 / 34 volte amore -sempler - Fingerpicking.net, 2009 / Acoustic Ladyland an acoustic tribute to Jimi Hendrix- Fingerpicking.net, 2011 / Il Salice, il Grano, la Rosa - Fingerpicking.net, 2013 / L'uomo equilibrista (Federico Sirianni) - Transeuropa - 2015 / Il Santo (Federico Sirianni) - Transeuropa 2016 / VoloNotturno - Fingerpicking.net 2018

 

SERGIO ARTURO CALONEGO

ha all'attivo più di 700 concerti e due dischi di  chitarra acustica sola:
Marinere e Dadigadì.
Nel 2014 è stato premiato da Mogol con la Targa SIAE, nel 2015 ha vinto il primo Premio ADGPA 2015 (Atkins Dadi Guitar Players Association) al Guitar International Rendez-vous . Ha suonato in Italia ma anche all’estero e si è esibito in Festivals e contesti prestigiosi legati alla chitarra acustica e alla canzone d’autore. Sa trasformare la chitarra in una piccola orchestra con una tecnica che abbraccia il nuovo senza dimenticare la tradizione. In lui melodia e tecniche contemporanee convivono senza alcun pregiudizio formale.

 

GIGI  CIFARELLI

Dalla met degli Anni 80 fino quasi tutti gli Anni 90 con l'uscita dei primi due Cd della sua produzione, la sua chitarra appare al top in gran parte degli spazi musicali, sia nell'ambito jazz e funky che in quello pop, collaborando a diversi Cd di Mina, di Renato Zero, di Tullio De Piscopo, dei Dirotta su Cuba e di tanti altri cantanti di punta nel panorama della musica leggera italiana.
Diventa beniamino e un modello da seguire per tanti giovani chitarristi italiani; i lettori delle riviste specializzate, infatti, lo eleggono per cinque anni consecutivi "miglior chitarrista jazz e fusion".
Nel 1995 viene invitato in Francia da Marcel Dadi al Festival "Les nuits de la guitare" ed entra in una dimensione internazionale salendo sullo stesso palco di John Scofield, Philipe Caterine, Toots Thielemans, Mike Stern, Bireli Lagrene, suscitando stima e ammirazione ovunque, oltre che per la sua grande energia musicale anche per la sua grande verve e simpatia. Questo, negli anni a seguire, lo fa scegliere per essere addirittura il Padrino del Festival di Sete sur Mere, nel Sud della Francia, dove si esibisce con Bireli Lagrene e con Silvan Luc e dove torner altre due volte incontrando, tra gli altri, Pat Metheney.
Partecipa in quel periodo anche al festival di Marsiglia e di Tolosa dividendo la serata e il palco con Scott Henderson.
Addirittura la televisione Francese gli ha dedicato uno special di un'ora.
Ha inciso per la BMG un cd straordinario dal titolo "With the eyes of a child" che lo ha ricatapultato in testa a tante classifiche sia di vendita che di gradimento.
Negli ultimi anni ha partecipato a tantissime manifestazioni suonando in diversi contesti e collaborando con Mike Stern Pat Martino e Larry Carlton in situazioni didattiche grazie all'Accademia del suono e dividendo il palco con Tommy Emmanuel a Monteroduni all'Eddie Lang Jazz Festival e con molti altri grandi nomi.
Nell'ultimo periodo ha proposto un progetto dedicato a George Benson per uno spettacolo benefico sulla ricerca per le malattie gravi che poi diventato graditissimo e richiesto.

 

DARIO  FORNARA

 

Nel 2009 pubblica per l’etichetta Fingerpicking.net l’album solista "Amore e Psiche" ed è presente nella compilation "34 Volte Amore", cd prodotto da Fingerpicking.net.

Nel 2013 pubblica per l’etichetta Fingerpicking.net il secondo album solista "Sequeri".

Ha pubblicato e prodotto 3 cd a favore dell'associazione benefica 'Wine& Guitar Clan': "3 Guitars Clan", "Four Guitars Clan", e "Five Guitars Clan".

Ha partecipato ad alcune tra le più importanti manifestazioni dedicate alla chitarra acustica in Italia, tra le quali il festival "Ferentino Acustica" a Ferentino (FR), il festival "Acoustic Franciacorta" (BS), il festival "Un Paese a Sei Corde" sul lago d'Orta, la manifestazione "Chitarre per Sognare" a Verona, il "Soave Guitar Festival", il festival friulano "Madame Guitare" a Tricesimo, l’ "Acoustic Guitar International Meeting" di Sarzana (SP) sul palco di Fingerpicking.net, il festival trentino "Bachmann Acoustic Festival", il 'Galliate Master Guitar", il "Guitar Internatinal Rendez-vous Convention ADGPA" a Conegliano, il "Festival Internazionale della chitarra Città di Fiuggi", il "Festival di Chitarra e Arpa" di Verona, il "Festival Internazionale di Chitarra" di Moncalieri.

Dal 2006 al 2013 è invitato a suonare al prestigioso premio internazionale di poesia "Poetry on The Lake", sul lago d'Orta.

Collabora nella direzione artistica dei festival chitarristici "Un Paese a Sei Corde" e "Galliate Master Guitar".

E' presidente dell'associazione 'Fingerstyle Life' con la quale promuove iniziative legate al mondo della chitarra.

Collabora in qualità di autore con la rivista specializzata 'Chitarra Acustica' (fingerpicking.net).

E' testimonial dei sistemi di amplificazione e dei prodotti del prestigioso marchio svizzero SCHERTLER, delle chitarre francesi Chatelier Guitars, G7th capo, EVIDENCE AUDIO, Essetipicks, IQS Strings

www.dariofornara.it        dariofornara1@alice.it 

 

 

 

PAOLO  GIORDANO

E' considerato uno dei più innovativi chitarristi acustici moderni, maestro nel fingerstyle. Il primo in Italia a sperimentare tapping e tecniche percussive avanzate su questo strumento.

Nel '91-'92 ha preso parte al Tour Cambio di Lucio Dalla, aprendo il concerto con un medley di proprie composizioni. Lo stesso Dalla lo ha definito:"Uno dei migliori chitarristi europei.

Da allora in poi ha preso parte ai principali Festival italiani ed europei dividendo il palco con i migliori chitarristi acustici del mondo. Al suo attivo vi sono tour in America Italia ed Europa e due cd prodotti (Paolo Giordano e Kid in a Toyshop) con ospiti illustri (Patti Cathcart del duo Tuck and Patti, Michael Manring, Alex Acuna).

In particolare, nel 1992 ha preso parte all'International Guitar Master di Torino, con Pete Seeger e Egberto Gismonti, Albert King e Leo Kottke. Nello stesso anno ha partecipato al festival delle nuove sonorità "Time Zones" a Bari con Ralph Towner. Nel 1993 è stato uno degli artisti di punta della Convention francese dell'ADGPA (Atkins-Dadg Guitar Player Association)

Ha collaborato anche con Biagio Antonacci sia nell'incisione del disco Il Mucchio, sia accompagnandolo nelle principali trasmissioni televisive.

Innumerevoli, peraltro, sono state le sue partecipazioni a trasmissioni televisive, tra le quali si possono citare: Help! condotto da Red Ronnie su TMC; Good Vibrations condotto da Ezio Guaitamacchi su Tele+3; Unomattina con Lucio Dalla su Rai1

Ef attualmente endorser delle chitarre Mayson, amplificatori Markacoustic (Mark Bass) e microfoni Neumann.

Nel 2005 il suo brano, First Pint, e stato inserito nella pubblicazione Master Anthology Of Fingerstyle Guitar Vol. 3 ( Mel Bay Publication ).

Nel 2008 la rivista musicale Insound lo ha votato come miglior chitarrista acustico italiano.

In quel periodo uscito il suo terzo lavoro discografico (Have you seen the roses? distribuzione CNI) in cui vengono rivisitati brani del fondatore dei Pink Floyd Syd Barrett, con la collaborazione, tra gli altri, di Frank Gambale e Michel Cusson.

La musica di Paolo, nutrita anche da studi classici, va oltre le sue fonti di ispirazione anche se esse sono rintracciabili nelle linee melodiche e nelle immagini evocate. La fantastica tecnica, che ha suscitato l'ammirazione del gotha della critica musicale internazionale, non è mai fine a se stessa, ma è messa al servizio dei sentimenti e delle emozioni che Paolo vuole trasmettere.

 

Michael Manring ha detto di lui:h...Paolo ha la mente di uno scienziato, il cuore di un poeta e lfanimo di un bambino, uniti ad una tecnica straordinaria! Credo che basti questo per dire che cosa trovo in luich.

 

ALBERTO  GROLLO

Può essere sicuramente considerato uno dei chitarristi più prolifici del panorama italiano odierno, avendo prodotto finora 37 album, due dei quali sono stati votati nei rispettivi anni di uscita (1998 e 2000) migliore album di musica strumentale italiana dellanno, dalla rivista SUONO. I suoi brani vengono trasmessi su Alitalia ed altre linee aeree europee come musica di rilassamento durante i voli ed utilizzati per sonorizzare film, documentari, pubblicità. Anche l'attività dal vivo intensa: ha aperto i concerti di James Taylor, dei Byrds e di Carlos Nunez, venendo chiamato a suonare sul palco come ospite, ed ha partecipato a manifestazioni fondamentali quali Folkest, Venetojazz, Soave guitar meeting, Festival del Mediterraneo, Sarzana Acoustic Guitar festival, Madame guitar, Franciacorta acoustic festival, Festival della canzone dautore di San Remo, Festival internazionale del cinema di Venezia e Biennale-Arte di Venezia. Apparizioni di rilievo al più importante festival chitarristico europeo a Issoudun in Francia nel 2003 e nel 2012, al festival internazionale di Nashville (USA) nel 2007 e all'Istituto italiano della Cultura di Londra nel 2008, 2009 e 2012. Ha prodotto il video didattico Introduzione alle accordature aperte prodotto dalla Playgame e distribuito dalla Carish. Dal 2004 produce dischi per la casa discografica olandese OREADE, venduti in tutto il mondo; il disco Reiki heart arrivato nella top ten americana di musica ambient. Docente di Chitarra moderna presso l'Istituto Musicale Arnaldo Benvenuti di Conegliano (TV).Ha composto due Sinfonie dedicate alle Dolomiti e a Venezia con la sua laguna in collaborazione con l'UNESCO. Sempre in collaborazione con l'UNESCO nel 2011 ha realizzato un progetto musicale dedicato alla valorizzazione del fiume Sava, principale affluente del Danubio.
Nel 2016 ha scritto la commedia musicale Non c'è luce senza ombra

GAVINO  LOCHE

 

Gavino Loche è un virtuoso della chitarra.

È considerato uno dei maggiori esponenti della chitarra acustica moderna.

Ha la capacità di muoversi con grande disinvoltura da un genere all’altro.
Chi lo
ascolta rimane letteralmente stregato dal suo talento.

Vincitore di numerosi concorsi chitarristici tra cui:"Miglior chitarrista emergente dell'anno" (2010), "Concorso Italiano Chitarre" (2010) e "Arrangiatevi!" (2013).

Chi assiste ad una performance di Gavino ha la sensazione di ascoltare due chitarristi che suonano contemporaneamente.

L'iniziale reazione di stupore del pubblico è: "Come fa a farlo?".

È autore del metodo didattico "Contemporary Fingerpicking Guitar" edito da

Fingepicking.net.

Giornalista e autore della rubrica mensile "Contemporary Fingerpicking Guitar" presso la rivista "Chitarra Acustica".

Tiene concerti e seminari in tutto il mondo.

gavinoloche.net

 

MASSIMO  LUCA

Massimo Luca  è un chitarrista, compositore e produttore discografico italiano.
È il chitarrista più impiegato dai principali cantautori e artisti italiani degli anni settanta Lucio Battisti, Fabrizio De André, Paolo Conte, Pierangelo Bertoli, Mina, Francesco Guccini, Loredana Bertè, Marcella Bella e Gianni Bella,  Mia Martini, Bruno Lauzi, Roberto Vecchioni, Edoardo Bennato, Angelo Branduardi, Fabio Concato Zucchero.

Il 23 aprile 1972 fa parte del gruppo d'accompagnamento di Battisti
durante il suo storico duetto con Mina a Teatro 10.
Nel 1992 ha suonato, con Vince Tempera, Ellade Bandini, Ares Tavolazzi e Maurizio Tirelli, nell'album Ma noi no dei Nomadi, l'ultimo pubblicato dalla band emiliana con il frontman Augusto Daolio.

 

EDDIE  MULDER

Eddie Mulder è un chitarrista di Friesland, la parte settentrionale dei Paesi Bassi. Ha iniziato a suonare la chitarra all'età di sei anni dedicandosi inizialmente allo studio della musica classica.

Ben presto, però, il suo interesse si è spostano su una grande varietà di stili, consentendogli di acquisire una grande versatilità tecnica da porre alla base della sua proposta musicale.

Eddie è diventato un chitarrista professionista nei primi anni ottanta e, non essendo l'Olanda molto grande, durante la sua lunga carriera ha collaborato, , con quasi tutte le Band locali.

Un momento vissuto con molta partecipazione fu, intorno all'anno 2000, quelloIntorno dedicato al Rock Progressivo Sinfonicao con gruppi come i Flamborough Head,

Grazie ai numerosi album incisi con le Band di ProgRock, Eddie ha acquisito una grande popolarità nel suo Paese.

Nel  2014 ha deciso di dare una svolta alla sua storia musicale, pubblicando tre album da solista, anche se incisi con l'aiuto dei musicisti dei vari gruppi in cui aveva militato.

Le composizioni sono tutte originali, come pure la sua tecnica sulla chitarra acustica, suonata quasi sempre con il plettro ma in modo tale da dare l'impressione di essere eseguita con l'uso delle dita.

La pubblicazione del suo quarto album da solista, inciso per l'etichetta polacca OSKAR, è prevista per il mese di settembre. La nostra manifestazione sarà l'occasione per farlo ascoltare in anteprima.

I tre precedenti sono: Dreamcatcher (2015), Horizons (2016) e In a Lifetime (2017)

www.eddiemulder.nl 

 

PIETRO  NOBILE

Ha iniziato a suonare la chitarra all'et di 16 anni completamente da autodidatta, sulle orme di grandi maestri quali Marcel Dadi, Lenny Breau, Chet Atkins, Earl Klugh, Jerry Reed, Merle Travis.
Ha intrapreso giovanissimo l'attivit concertistica solista: gi a 20 anni a Parigi invitato a suonare la chitarra acustica da Herbert Pagani e Marcel Dadi, con il quale ha condiviso alcuni concerti e una breve tourne in USA.
nel 1986 ha iniziato a scrivere per la rivista Guitar Club una rubrica fissa dal titolo "Fingerstyle Jazz" ed diventato endorser per le chitarre acustiche Ovation distribuite in Italia da M. Casale Bauer.
Nel 1987 Emi ha pubblicato il suo primo disco Waiting, prodotto da Alberto Radius.
Nel 1988 ha iniziato ad insegnare al CPM di Milano tenendo un corso monografico sul fingerstyle. Dal 1991 al 1993 ha partecipato alla Rassegna Mondiale della Chitarra di Issoudun in Francia, invitato dallo stesso Marcel Dadi.
il primo italianoad avere questa possibilit.
La rivista Guitar Club lo ha eletto miglior chitarrista acustico italiano per gli anni 1991, 1992 e 1994.
Nel 1992 in qualit di dimostratore ufficiale per Ovation ha partecipato a "The Ultimate International Ovation Seminar" negli USA insieme a Marcel Dadi ed stato uno dei fonfatori dell'A.D.G.P.A Italy.
Nella sua carriera ha partecipato a numerose trasmissioni televisive sulle reti italiane ed estere oltre a collaborare con Franco Mussida, Gatto Panceri. Nanni Svampa e Mario Lavezzi.
Ha pubblicato il libro didattico edito da Carisch La chitarra Fingerstyle-Preparazione e tecniche di base ed il CD La citt dei sogni, che contiene un brano utilizzato per la compilation di grande successo (solo in Italia 90.000 copie vendute) Eterea pubblicata da Emi.
Successivamente ha inciso i CD Volo libero e Indefinito Infinito.
Ha inoltre partecipato per due anni consecutivi al Montreux Jazz Festival con in due memorabili concerti solisti.
La sua attivit didattica lo ha portato a diventare padrino della sezione di chitarra acustica per la Fondazione "Little Dream Foundation" di Phil e Oriane Collins a Ginevra.

 

 

 

EMANUELE GRAFITTI

Emanuele Grafitti nasce a Trieste il 10.03.1992. Nel 2012 si diploma in Chitarra Classica al Conservatorio G.Tartini di Trieste e nel 2015 consegue la laurea di specializzazione in Jazz con il massimo dei voti.

Fin dalla giovane et partecipa a vari concorsi internazionali di musica classica e musica jazz. Nel 2009 vince il premio Franco Russo in seno al Festival Internazionale Trieste Loves Jazz, quale miglior talento emergente in ambito jazz. Nel 2010 vince il concorso Porsche Live Giovani e jazz e viene premiato da Lucio Dalla, con cui ha anche l'onore di salire sul palco per un blues improvvisato.

 

Negli anni produce diversi dischi tra cui Travellinh (BlueSerge), Zen Garden (Caligola Records) e Start from Scratchh (Birdland Sound), tutti caratterizzati da composizioni originali.

L'amore per la chitarra acustica nasce nel 2008 quando frequenta un corso con il maestro Franco Morone. Da subito questo strumento gli ispira nuove composizioni e lo porta a suonare in diversi Festival Internazionali ( Madame Guitar, FolkEst, Trieste Loves Jazz etc. ).
Alla fine del 2015 inizia la collaborazione con il maestro Stefano Barone che decide di registrare e produrre il suo nuovo album "Emanuele Grafitti" caratterizzato da dieci composizioni originali per chitarra sola.

 

Ha vinto nell'estate 2016 il concorso Premio ADGPA miglior chitarrista Emergente; concorso che gli ha consentito la partecipazione al più importante Festival di chitarra europeo a Issoudun in Francia.

Investito dell'onore di "aprire" la manifestazione, ha dato vita ad una prestazione entusiasmante conclusasi con un meritatissimo bis. 

 

GAE  MANFREDINI

E’ attivo sin dai primi anni ’80 , che lo vedono impegnato anche sul fronte della didattica musicale ( è stato per dieci anni Direttore della Scuola di Musica PiBieMMe di Brescia ), ha pubblicato 2 libri sull’improvvisazione nella chitarra Rock ("La chitarra rock" e "Fraseggio ed improvvisazione nella chitarra rock" per le Edizioni Berben) ed un Video didattico , "Corso pratico di improvvisazione nella chitarra rock" , per la Playgame Music nel 1995.

Negli anni ottanta collabora con la ditta Grisby Music come endorser , dimostratore e product manager per i marchi Peavey, Rockman , Kramer, Lexicon ecc. , svolgendo innumerevoli "clinics" tecnico-didattiche in tutta Italia. Per tutti gli anni novanta ha collaborato con la "Meazzi Musica" come dimostratore , occupandosi in particolare dei marchi Marshall, Cort, Rocktron e Catalyst e mantenendo una intensa attività di "clinics" in tutta Italia ed una continua collaborazione con le maggiori riviste musicali italiane.

Nel ’92 pubblica il suo primo CD completamente strumentale , "Blizzard" , e nel ’94 viene prodotto "First Step" , registrato dal vivo con il gruppo "Blizzard".

Nel ’97 viene pubblicato dalla Playgame Music un nuovo video didattico dedicato alla chitarra Rock-Blues ed intitolato appunto "La chitarra rock blues". Nello stesso anno partecipa alla realizzazione di alcuni brani del nuovo disco dei Dik Dik.

Nel ’98 pubblica un nuovo disco strumentale , "Tunes" , ed è stato pubblicato alla fine dell’anno un album in studio con il gruppo "Blizzard" dal titolo "Maschere", completamente in italiano. Ha partecipato più volte all’importante manifestazione dedicata alla chitarra che si svolgeva a Soave (VR) , come pure alle serate organizzate dalla A.D.G.P.A. negli incontri internazionali di Issoudun (Francia ).

Da non dimenticare l’intensa attività "live", sia come solista che con il gruppo "Blizzard". Nell’estate del ’98 partecipa in duo con il noto chitarrista Riccardo Zappa ad una tournèe delle Isole Maldive e nell’autunno dello stesso anno viene invitato a partecipare come "guest" della Jan Akkermann Band ad una importante biennale dedicata alla chitarra che si svolge nella città di Eindhoven in Olanda. Ha inoltre partecipato a "sessions" con importanti musicisti come Michel Cusson e Alain Carson ("Uzeb") , Ian Paice ("Deep Purple") ecc. ecc.

Nel 2000 è stato pubblicato dall’etichetta PMR il nuovo CD strumentale "Gae Manfredini Project" e, sempre nello stesso anno, ha partecipato al disco di Riccardo Zappa "Patchouli & Vettiver".

Nel 2002 è stato pubblicato un nuovo disco strumentale dal titolo "Instrumental Treatment" realizzato con la partecipazione di importanti musicisti del panorama Italiano quali Walter Calloni (batteria) Lorenzo Poli (basso) Roberto Soggetti (pianoforte) , prodotto dall’etichetta PMR.

www.gaemanfredini.it 

 

DARRAGH  O'NEILL

Darragh O'Neill è considerato uno dei più importanti chitarristi classici/acustici irlandesi.

Le sue doti di musicista e di compositore lo hanno portato ad esibirsi nelle migliori sale da concerto del mondo come la Carnegie Hall di New York, la Wigmore Hall di Londra, la Oude Kerk di Amsterdam, il Teatro Manggha di Cracovia, la Nazionale Concert Hall di Dublino ecc.

Le sue performance mostrano una grande maturità stilistica dove la delicatezza ed il virtuosismo si alternano per stimolare l'immaginazione del pubblico e toccarne il cuore.

La sua formazione musicale è iniziata all'età di sette anni con lo studio del violino e, una volta passato alla chitarra classica, Darragh ha allargato i suoi orizzonti musicali applicandosi ad una grande varietà di stili.

Il suo CD di debutto 'Fontana' è una raccolta di suoi arrangiamenti di alcuni dei classici barocchi più amati del repertorio chitarristico, tra cui musiche di JSBach, Domenico Scarlatti, Gaspar Sanz e Turlough Carolan. Il CD contiene, però, anche sei composizioni originali.

 

Sin dalla sua prima apparizione al Guitar International Rendez-vous, Darragh ha avuto uno straordinario successo, tanto da essere diventato uno dei beniamini del pubblico  e dei partecipanti ai seminari della Convention.

 

Attualmente O'Neill insegna al Blackrock College ed alla Rathdown School 

 

GABRIELE  POSENATO

Inizia a suonare la chitarra classica a 13 anni. Dopo una parentesi legata alla chitarra elettrica, nel 1989 smette completamente di suonare. Dal 1996 grazie all’ADGPA riprende a suonare e si dedica alla chitarra acustica. Nel 2003 pubblica per fingepicking.net il primo CD solista, "Modus vivendi". Nel 2009 il secondo dedicato al mondo del vino, "Wine and Feeling", nel 2013 il terzo CD dal titolo "Soft Touch" e nel 2015 il quarto dal titolo "Fifty Fifty". 

Ha partecipato alle compilations acustiche "36" e "34 volte Amore" di fingepicking.net. Per il Consorzio di Tutela Vino Soave ha prodotto il CD "Soave wine in harmony". Nel 2002 con il violinista Paolo Adami fonda il "Wine&Guitar Clan" associazione no profit che raggruppa molti chitarristi acustici italiani in concerti e CD a scopo benefico. Ha suonato nei più importanti festival di chitarra acustica in Italia e scrive articoli per la rivista Chitarra Acustica. Suona indifferentemente chitarra acustica, lap steel, harp guitar e mandolino. A fine 2018, per festeggiare i quarant’anni di musica, pubblicherà un CD dedicato alla chitarra classica.

 

FRANÇOIS  SCIORTINO

François Sciortino si è da tempo collocato stabilmente ai vertici del chitarrismo acustico francese ed europeo sia come compositore che come strumentista. Le esibizioni effettuate nell'ambito delle Convention A.D.G.P.A. lo hanno rivelato al pubblico italiano, tanto che gli organizzatori dei pi importanti Festival nostrani hanno iniziato a contenderselo. Carismatico e spettacolare, sa tenere la scena come pochi grazie ad una tecnica molto evoluta accoppiata ad una grande naturalezza esecutiva. Sciortino si convertito alla sei corde dopo aver ascoltato il mitico album La guitare Dadi n. 1 e, da quel momento, tutte le sue energie si sono concentrate sulla musica. L'esperienza acquisita negli anni e gli incontri con altri musicisti di altissimo livello ha favorito l'affinamento di uno stile personale caratterizzato da un picking in cui la melodia ha un ruolo privilegiato ma che presenta anche elementi di ragtime, di jazz, di country e di canzone francese: un patchwork musicale senza frontiere. Attualmente Franois Sciortino insegna chitarra al conservatorio di Montereau ed uno dei pricipali collaboratori della prestigiosa rivista francese Guitarist Acoustique che, per sottolinearne l'importanza, gli ha dedicato un intero numero speciale. Artista quanto mai prolifico, ha all'attivo moltissimi album, uno più bello dell'altro.

 

PAOLA  SELVA

Paola Selva si è diplomata in chitarra al Conservatorio "G. Nicolini" di Piacenza con il M° Marco Tajo e ha conseguito la laurea specialistica ad indirizzo didattico e quella ad indirizzo interpretativo presso il Conservatorio "J. Tomadini" di Udine con il M° Fabio Spruzzola.

Ha frequentato corsi di perfezionamento tenuti da importanti Maestri della chitarra (Alirio Diaz, Oscar Ghiglia, Massimo Lonardi, Mauro Storti, Pavel Steidl), è stata premiata in concorsi chitarristici, ha tenuto concerti riportando sempre favorevoli consensi di pubblico e di critica in varie località in Italia e all'estero ed è stata membro di giuria in concorsi musicali nazionali e internazionali.

Svolge attività concertistica in qualità di solista ma il suo grande interesse è da sempre rivolto alla musica da camera in varie formazioni. Nel 1994 ha fondato il Trio Silene (flauto, corno inglese e chitarra), vincitore del primo premio al 21° Concorso Nazionale "Comune di Roburent - sac. m.o G. B. Ansaldi", del primo premio al 9° Concorso Internazionale di Musica da Camera "Premio Acqui Musica", del primo premio assoluto al 4° Concorso Nazionale "Giulio Rospigliosi" a Lamporecchio, del 2° premio al Concorso Internazionale di Interpretazione Musicale "Giulio Viozzi" a Trieste e del primo premio al 6° Festival Chitarristico "Città di Voghera".

Nel 2015 si è avvicinata alla chitarra acustica con la quale ha presto raccolto grandi risultati: nello stesso anno ha vinto il secondo premio al Festival "Acoustic Franciacorta" ed è risultata finalista al Concorso "Obiettivo Maf" di Fiorano Modenese. Nel 2016 è stata finalista al Premio "Chitarrista Emergente ADGPA", premio che ha vinto ripresentandosi alle selezioni nel 2017. La conquista del Premio A.D.G.P.A. le ha consentito di aprire il Festival Internazionale di Issoudun

È direttrice artistica della Stagione di Musica da Camera "I Concerti del Giovedì" di Tavagnacco (UD) sin dalla prima edizione del 2005 e della rassegna "Note di Natale a Tavagnacco" dal 2015. Scrive musica e nel 2007 ha vinto il primo premio per la sez. 1 al 7° Concorso Nazionale "Padenghe sul Garda" con la composizione "Improvvisamente".

È attiva anche in qualità di arrangiatrice e trascrittrice per vari ensembles (Trio Silene, Ensemble di violoncelli "La vie parisienne", Anahit Ensemble, Tritsch Tratsch Quartet, Mikrokosmos Insieme Strumentale Italiano, Festival della Canzone Friulana, ecc.). Insegna chitarra e ha scritto un metodo per i primi anni di studio, in via di pubblicazione.

Si è inoltre diplomata con il massimo dei voti al Corso Triennale di Formazione in Musicoterapia di Udine (sezione di Rivarolo Canavese) dell’A.R.Te.M. (Associazione Regionale Musicoterapia); e come musicoterapista ha partecipato a numerosi seminari, conferenze, convegni e congressi in qualità di relatore e di uditore.

Attualmente ha un CD in preparazione.

 

 

ANTONIO TARANTINO

Chitarrista, didatta e compositore di musica brasiliana, nuovo flamenco e latina.

Pluridottore  Magistrale in chitarra classica.
Ha pubblicato articoli, metodi, composizioni, MC, CD, VHS e DVD 
di chitarra brasiliana-flamenco per case discografiche, editrici, riviste 

(Armelin Musica, Bèrben, Berimbau, Eco, Fingerpicking, Guitar Club, Chitarra Acustica, Axe Guitar Magazine, Guitar Media Collection, Intra's, Nuova Carisch, Sonitus e Videoradio)  e autoproduzione.

E' uno dei chitarristi italiani più prolifici dal punto di vista editoriale e le sue opere sono state vendute in tutto il mondo. 
Ha collaborato con  Alex Britti, Nino D'Angelo, PFM, Pooh, Toquinho e Marcos Vinicius.
Svolge attività didattica in importanti scuole di musica
(CPM, Erreti Musica, Guitar Institute, IME).
Ha partecipato ad importanti trasmissioni radiofoniche e televisive
(Radio Uno, Oto Radio di Parigi, London One Radio, Radio Italia Uno Australia, Rai Uno, Canale 5, Canale Italia, Videomusic) con Red Ronnie, Irene Fargo, Dik Dik, James Senese, Tosca D'Aquino.

Ha condiviso il palco con alcuni dei più grandi chitarristi del mondo
(Tommy Emmanuel,  Larry Coryell,  Marcel Dadi).
Svolge attività concertistica come solista partecipando a festival e manifestazioni varie.

Considerato dalla critica specializzata come uno dei più geniali chitarristi brasiliani e flamenco al mondo.

 

TREVES  BLUES  BAND

FABIO  TREVES

Nel 2014 ha festeggiato i 40 anni di attività, tutti percorsi con coerenza e passione sulla lunga strada della musica del diavolo.

L'avventura di Fabio Treves e della sua Band nasce infatti nel 1974 quando un giovane armonicista di Lambrate decide di partire con una missione impossibile: divulgare i valori del Blues, la sua storia e i suoi grandi interpreti.

L'armonicista, da quel momento in poi ribattezzato il Puma di Lambrate, ha viaggiato con la sua band in lungo e in largo per l'Italia e per il mondo ed ha tenuto alta la bandiera del BLUES italiano. I suoi concerti sono un viaggio nella storia di questa musica, dai primi canti di lavoro a quello arcaico e campagnolo, dal blues elettrico di Chicago a quello più moderno.

Rassegne estive, blues festival, locali, scuole, università, radio, televisioni, tanti e diversi tra di loro sono i luoghi che hanno ospitato la TBB, la prima band italiana a proporre un genere musicale che sembrava avere radici tanto lontane ma che era capace di coinvolgere tanto pubblico.

Treves ha al suo attivo numerose collaborazioni con vere e proprie leggende del blues con cui ha suonato nel corso della sua carriera, come Sunnyland Slim, Johnny Shines, Homesick James, Billy Branch, Dave Kelly, Paul Jones, Alexis Korner, Bob Margolin, Sam Lay, David Bromberg, Eddie Boyd e Mike Bloomfield. Ha ospitato nei suoi dischi e suonato dal vivo con Roy Rogers, Chuck Leavell, Willy DeVille, John Popper, Linda Gail Lewis, Warren Haynes ed l'unico artista italiano ad aver suonato sul palco con il grande genio Frank Zappa. Il Puma ha prestato la sua armonica anche a molti artisti italiani, suonando nei loro dischi. Ne citiamo alcuni: Branduardi, Bertoli, Elio e le Storie tese, Finardi, Graziani, Shapiro, Baccini, Giorgio Conte, Ferradini, Cocciante

Nel 2011 Treves ha realizzato il suo progetto di un nuovo spettacolo musicale Blues in Teatro: un passo in avanti verso la diffusione popolare della musica origine, una scommessa vinta alla grande e un tour indimenticabile che ha portato nei teatri di tutta Italia quasi 4000 persone, cosa mai successa a una blues band prima della felice intuizione del Puma di Lambrate. E da questo fortunato tour e dalle registrazioni dei concerti nato un cd live della TBB, dallomonimo titolo Blues in Teatro, pubblicato nel giugno 2011.

Nel 2014 la TBB ha festeggiato i suoi 40 anni con un tour teatrale di grande successo che ha inanellato una serie di entusiastici sold out. Il concerto conclusivo di questo storico TOUR dei 40 ANNI si tenuto all'Auditorium di Milano davanti ad oltre 1000 spettatori, un vero evento musicale impreziosito dalla partecipazione di musicisti amici del Puma, come Eugenio Finardi, Stef Burns, i musicisti di Elio e le Storie Tese, Paola Folli, che hanno voluto festeggiare con lui questo storico traguardo di fronte ad un pubblico di fans in delirio.

Il 7 dicembre 2014 a FABIO TREVES stato conferito l'AMBROGINO D'ORO, importante onorificenza del Comune di Milano, con questa motivazione: Musicista di fama internazionale e principale interprete di musica blues in Italia, Fabio Treves ha dato un apporto insostituibile alla diffusione e alla conoscenza di questo genere tra generazioni di milanesi. Artista rigoroso e profondo conoscitore della cultura e della tradizione musicale nordamericana ha contribuito a portare la scena di Milano ai massimi livelli internazionali grazie alla sua produzione discografica, alla collaborazione con alcuni dei pi importanti musicisti italiani e stranieri e alla instancabile attivit dal vivo della sua Treves Blues Band considerato il padre del blues italiano, e le sue radici di artista affondano cos profondamente nel cuore della sua Milano da meritargli il soprannome con cui conosciuto: il Puma di Lambrate.

La sua foto stata inserita dalla rivista Rolling Stones nel numero di febbraio 2015 intitolato Le 100 facce della musica italiana.

Nel 2015 la TBB ha fatto da supporter ai DEEP PURPLE nel loro tour italiano e nel 2016 la band stata eccezionale opening-act al concerto di BRUCE SPRINGSTEEN al Circo Massimo di Roma il 16 luglio.

ALEX  GARIAZZO

Alex Gariazzo si perfezionato nella tecnica flatpicking con il chitarrista genovese Beppe Gambetta ed ha frequentato seminari di jazz, blues e improvvisazione con i chitarristi Bill Frisell, Carl Verheyen e Scott Henderson.

Dal 1995 cantante e chitarrista della Treves Blues Band, storico gruppo blues italiano guidato dal grande armonicista milanese Fabio Treves. All'interno della band, spazia tra esibizioni alla chitarra elettrica e strumenti prettamente acustici, dalla chitarra acustica stessa all'ukulele.

Con la TBB ha registrato 5 cd e viaggiato in Italia ed all'estero. Grazie alle collaborazioni della band, ha avuto l'opportunit di condividere il palco con grandissimi nomi del blues mondiale come Buddy Guy, John Mayall, John P. Hammond, Blues Brothers Band, ZZ Top, Corey Harris, Canned Heat, Eric Bibb, Willie King e Jimmy Rogers.Nel 2015 con la Treves Blues Band ha fatto da band di supporto al tour italiano dei Deep Purple e nel 2016 a Roma al Circo Massimo ha avuto l'opportunit di aprire il concerto di Bruce Springsteen.

Assieme a Treves, nel programma dai due condotto su Rock TV ha avuto occasione di duettare con artisti come Warren Haynes (Govt Mule, Allman Bros.), John Popper e Jono Manson con cui collabora stabilmente per i suoi tour italiani cos come l'artista americano Michael McDermott con cui ha condiviso due tour europei.

Ha realizzato anche diverse colonne sonore: Hoc Erat in Votis, Mondi allo Specchio, Intervista a A. Tarkowski, Omaggio a Sergio Bonelli (Tex Willer). Inoltre ha prodotto jingles pubblicitari per Fiat 500,Hugo Boss, Wolkswagen Think Blue, Jeep, Mele e il marchio Trollbeads, oltre che basi musicali per il programma Rai X-Factor e per i Mondiali di Nuoto di Roma nel 2009 e Universiadi di Torino.

Collabora saltuariamente in veste di giornalista alla rivista JAM. Con Ezio Guaitamacchi, Roberto Caselli e Antonio Lodetti, ed coautore del libro "I 100 dischi ideali per capire il blues".

 

 

ANDREA  VALERI

Andrea Valeri è nato a Pontedera il 27 febbraio 1991: dall'Australia alla Nuova Zelanda, dalla Russia al Canada, dall'Europa al continente africano, Andrea continua a raccogliere un successo mondiale sin dall'età di 16 anni.

Definito il "Principe della chitarra acustica" e un nuovo ambasciatore della musica acustica, Andrea, nonostante la sua giovane età, è ora un veterano di molti dei più grandi palcoscenici di tutto il mondo.

Ha ha iniziato la sua carriera a 10 anni studiando prima le tecniche di chitarra classica, passando poi attraverso una "fase" elettrica ed infine dedicandosi alla chitarra acustica.

In quest'ambito ha iniziato ad assorbire nuove tecniche come il thumbstyle, il fingerstyle ed il flatpicking, sino ad essere in grado di sintetizzarle tutte attraverso le sue capacità sulla chitarra acustica a 6 corde.

A diciotto anni Andrea è stato insignito del titolo di "eccellenza musicale italiana" e, nonostante la sua età, ha già pubblicato 6 album da solista: "The Secret of Silence" (2007), "The Trip" (2008), "Maybe" (2010), "Daydream" (2011), "Race Around the World" ( 2014), "Mediterraneo" (2016) e dozzine di altre collaborazioni con alcuni dei più importanti artisti del mondo della chitarra e della musica di oggi.

Andrea ha condiviso il palcoscenico e registrato con molti dei maestri delle sei corde: Michael Fix, Adam Rafferty, François Sciortino, Tony Cox, Tazenda, Van Larkins, Maneli Jamal, John Doan, Goran Kuzminac Daniele Bazzani, Buck Wolters , Andrew Veivers, Nick Charles, Robbie Long, Vincenzo Zitello, Bryan Rason, Thomas Leeb, Marco Baracchino, Mickey Murphy, Alberto Caltanella, Ciosi, Roberto Dalla Vecchia e molti altri ...

Il suo stile è in continua evoluzione e il suo successo sta crescendo di giorno in giorno: Andrea è attualmente in tour mondiale per promuovere il suo nuovo album "Mediterraneo", prodotto da Vinile Records e pubblicato da Myrope editions.

 

ALBERTO  ZILIOTTO

Con i suoi 30 anni Alberto Ziliotto è uno dei giovani chitarristi del panorama acustico italiano. Nel 2009 ha autoprodotto il suo primo cd "Suono come sono"  che lo ha portato a classificarsi tra i primi posti dei concorsi più conosciuti in Italia

Alberto è stato inoltre il primo italiano ad essere riconosciuto artista del mese (Febbraio 2012) per la "K&K sound company", nota compagnia di amplificazione.  A ottobre 2012 ha prodotto delle musiche per alcuni video pubblicitari della VVT, compagnia di trasporti pubblici di Innsbruck.

Il 6 di luglio 2013 ha rilasciato il suo secondo cd "Tieniti tutto" contenente dieci brani, in cui si sente il suo percorso di crescita musicale.

A giugno 2014 Alberto ha iniziato una collaborazione con il grande bassista Michael Manring. Alberto e Michael suonano su un brano di Alberto "Al Tramonto" creando atmosfere che ricordano quelle di will ackermann.

A settembre 2014 Alberto ha avuto l'onore di pubblicare il suo primo video per la "Candyrat Records" l'etichetta più celebre al mondo per la musica per chitarra acustica.

A Luglio 2016 Alberto è diventato endorser per la "DiMarzio" celebre marca di pickup per chitarra utilizzando "Black Angel" per amplificare la "zizzola".

Ad aprile 2018 Alberto ha rilasciato il suo quarto cd "Reverse" mixato e martirizzato da Antoine Dufour, punto di riferimento di fama mondiale per i chitarristi acustici.

I brani di Alberto sono caratterizzati da melodie semplici contenenti idee armoniche e linee melodiche  che ben riescono a rendere  la freschezza, la spontaneità, la  sensibilità di questo giovane chitarrista.

 

 

LE FOTO - LES PHOTOS   /   SALONE DELLA LIUTERIA - SALON DE LA LUTHERIE/

IL PROGRAMMA - LE PROGRAMME      /       LA LOCATION

RASSEGNA STAMPA   /   LA CONVENTION